W3C al lavoro su uno standard per i pagamenti online.

Il World Wide Web Consortium (W3C) ha aperto un nuovo gruppo di lavoro (Web Payments Interest Group) in seno alla Web Payments Activity Statement.

L’obiettivo è la definizione di uno standard che garantisca la migliore interoperabilità possibile tra gli stakeholder e l’eterogeneità dei metodi di pagamento esistenti; quindi, uno standard aperto e completamente indipendente dalle lobbie.

Auguri e buon lavoro. Soprattutto auguri.

Google AdWords, nuove norme per terze parti.

Google ha pubblicato un’anteprima delle nuove norme (in vigore da novembre 2014) relative ai requisiti per terze parti che acquistano o gestiscono pubblicità Google per conto dei loro clienti.

Le nuove norme per terze parti di Google AdWords contemplano tre aree:

Requisiti di trasparenza: le informazioni da condividere con i clienti.

Pratiche vietate: ciò che non è consentito fare quando si acquista o si gestisce pubblicità Google per conto dei clienti.

Requisiti per la configurazione dell’account: in che modo è necessario configurare gli account per la pubblicità Google dei clienti.

Da queste parti cambierà poco o niente; si è sempre fatto come prescritto nelle nuove norme. ;-)

Anche Google avrà il suo ecosistema universale.

Sundar Pichai ha nominato Hiroshi Lockheimer responsabile della divisione ingengneria di ChromeOS. La coincidenza è che Lockheimer è anche responsabile della divisione ingnegneria di Android.

Se ci aggiungiamo che già da tempo è possibile eseguire App Android in ChromeOS e l’omogeneità UX cross-device di Android 5 con Material Design, le intenzioni di Google risultano alquanto chiare: il robottino verde fagociterà ChromeOS e se la giocherà con Windows.